diciottoGiugnoBlu

19 Giugno 2007 Commenti chiusi

Giorni come questi.
Sentirsi addosso come una malattia. Qualcosa di rotto dentro, che stona, con tutto.
Dentro, qualcosa che Divora.Mi chiedo ancora una volta perchè non riesco a essere Felice, oggi me lo chiedo, con tutta la rabbia che ho addosso, me lo chiede, ancora, una me bambina. Perchè giornate come queste ci sono sempre state nella mia vita, le riconosco subito quando arrivano, sono come un rumore sordo, un urlo metallico impazzito, ne riconosco l’eco, la mia Vertigine, il cielo Bianco,il nero dentro. E sono di nuovo piccola, e questa giostra non è mai finita,il chiedermi perchè, e perché, Ancora. come una condanna, come un respiro sporco addosso, una violenza.
Oggi sono un vestito di magone, un goffo vestito di lana, sferruzzato da mia madre quando non-ero Bambina. Oggi sono una filastrocca che sa di pianto.Sono una Colpa che ho dentro.

Una tazza blu sul tavolo della cucina.Un cucchiaio e nodi di Lana, Blu Sbagliati, di meravigliosa sconfitta.

Ora vorrei che tu mi urlassi che mi Ami, a un centimetro dalla mia bocca,
Vorrei che la tua voce coprisse tutto quello che non voglio sentire.

nel Ritorno

1 Giugno 2007 8 commenti


Lione é già lontana.lontani sono i fiumi che si incontrano, e che delle volte si dicono Addio.

…è che io la vita la vorrei prendere a morsi, come una mela, cosi’, semplicemente, e VIVERLA.

Invece c’è sempre qualcosa dentro di me che scalcia, qualcosa di rabbioso, di non umile,
Volere essere cio’ che non si è.
non sono leggera, sono una donna complicata che a volte é meglio non incrociare.
eppure vorrei scendere in strada, con il sorriso fiero, con lo sguardo di chi sa giocare, ingenuo, vorrei dar voce al corpo e saper dimenticare la testa,la razionalità del pensiero.
Qui piove, sembra non abbia fine, Alma dorme, la guardo e sono piena d’amore.

nona sinfonia

12 Aprile 2007 2 commenti


favole di R.Dhal. mi sveglio dormendo.un caffè è un’isteria.tento il gioco d’Azzardo.Alma che apre gli occhi.Il sole che è caldo.arriva un’altra stagione e io non sono pronta.sono in ritardo,sono sempre in ritardo, ma ho fretta.i miei pensieri corrono e si staccano da me, provo a prenderli, saltando, ma non volo.Ascolto Cave.la nostalgia è nelle mie ossa, si’, le mie ossa sono fatte di nostalgia.Sono fili di carne di Nostalgia.Mani legate al Cuore.Paura di perdere Tempo,di sentirmi ferma.So dovrei insegnarmi la calma.ho bisogno di un Maestro.ho bisogno di assorbire calma.
cosa c’è?
cos’hai?
perchè sei triste?

love

25 Marzo 2007 2 commenti


eccoci qui amore mio.

hopersoMe?Medusa mi vuole morta.

12 Febbraio 2007 3 commenti


sembra salire su una scala la mia gloriosa follia.giorni in cui la sento riempire la stanza con il suo odore, le sue conchiglie a farmi ricordare che il ricordo mi guarda, si fa guardare,mi inghiotte e ferisce. chi sono stata?non mi riconosco.piu’ che mai oggi mi sento sbagliata.cattiva.Cerco trovo abbandono,oppure neppure trovo, è un gioco il mio,inconsapevole Bianca. cosa ne esce è un maglione strano,dal perduto colore.superfici ruvide al tatto.tanti commenti sterili a una me chev non sono io. Medusa dove mi stai portando’io che credevo d’Essere ora mai piu’ un passo danza muovo.Il cuore trema per qualche nascosta meraviglia?IL movimento nel terrore e la paura a portarmi nuove maschere a cui affidare la me bianca.Anche il mio uomo non mi crede piu’.D’altronde come fare se la mela è marcia e il mio peccato non conosce nome.Tanti incubi la notte, facce da dimenticare che ancora ritornano a torturarmi.
Ma cosa devo scontare.
non c’è piu’ luce su questo viso.vedo lo specchio e c’è un quadro strano che sa di morte.
io mi sento morire e le mie parole,stupide,aride,finte, non sevono a legarti.
Se mi avessi portato via sarei con te ora.
invece non c’è luogo.mi prendo in giro.questa è l’ultima partita.la vita corre .il tempo è malattia.non c’è piu’ tempo. ne vita.

….

28 Gennaio 2007 2 commenti


non potrei stare senza di lei

ora

27 Gennaio 2007 Commenti chiusi

non perdermi

Il silenzio della Neve

22 Gennaio 2007 2 commenti

Amare. essere amati.
essere tutte e due le cose.
non puoi avere tutto.

Allora cosa ho scelto,non lo so’ piu’.

Un pomeriggio muto, dentro me stessa a cercare un silenzio, il trovarmi senza tetto con te.Ho gia’ sentito questo.Mia figlia ha gli occhi grandi.Io pensavo ai miei, tristi.Pensavo non si puo’ essere cio’ che non si è.Essere carne mi fa paura. Guardo il cielo, Sembra come in quel libro.Stormi di corvi volano sopra di noi. Tu scatti foto e incanti i serpenti. Torniamo in macchina.guido io.dove andiamo.non lo so.Torniamo a casa mentre fa buio, freddo.Le mie mani guidano. I miei pensieri tremano.É come se la vita fosse gia’ finita.
Ora in casa tu cucini pesce e io scrivo.Guardo Alma. La tenda rossa. Le foto, sparse.

Cosa vuol dire amare?

lovers

12 Gennaio 2007 3 commenti


Ti amo.
anche se leggo Carmelo Bene.

orme

9 Gennaio 2007 2 commenti


ancora nel letto, uno di fronte all’altra a pensare a come sarebbe andata se. Ancora parole tra la bocca e il lenzuolo.
il silenzio di quando sorge il sole e te ne vai, non ci sei.
stanze vuote.
.per me oggi é tempo di Oceano.
Voglio essere felice.Non sto giocando ora.Voglio che tu comprenda che non manca tanto all’inverno.Sei stato Re delle stagioni.Ma ora posso invocare la primavera senza un tuo cenno . Qualcosa è cambiato. Puoi rimanere nella neve, ma io, no.